Capacchione ospite della Confindustria Caserta: “Riprendiamoci quello che era nostro”

“Riprendere la direzione imboccata con il programma Industria 2015 con la reintroduzione del credito di imposta, oltre a tutte le agevolazioni fiscali utili a favorire l’innovazione e la tecnologia”. E’ uno degli obiettivi per il sostegno alle imprese di cui ha parlato la candidata al Senato del Pd, Rosaria Capacchione, durante l’incontro tenutosi lunedì mattina nella sede dell’Unione Industriali di Caserta. La giornalista è stata accolta dai vicepresidenti Vincenzo Schiavone, Daniela Mastrangelo e dai componenti del direttivo. Nel corso del dibattito gli imprenditori casertani hanno manifestato le loro preoccupazioni sulla crisi industriale che ha portato ad un decremento del 25% della produzione negli ultimi 5 anni e un aumento del 100% del tasso di disoccupazione. Un’emergenza, dunque, economica e sociale. Per la candidata democratica “la responsabilità non è soltanto della classe dirigente, ma anche dei cittadini che hanno contribuito ad eleggerla e a creare un sistema che ha comportato conseguenze disastrose”. A proposito di “disastri”, la capolista del Pd ha citato quello di Castel Volturno: “E’ la raffigurazione plastica di cosa ha fatto la Provincia di Caserta in 30 anni di collusioni, affari tra imprenditoria rapinatrice, la camorra e la politica corrotta. Se facciamo autocritica, e partiamo dal presupposto che, chi più e chi meno, abbiamo sbagliato partecipando a quel sistema, allora possiamo ricominciare”. E per ricominciare, secondo la Capacchione, “bisogna che ci riprendiamo quello che era nostro”. “Abbiamo uno dei monumenti più importanti d’Europa, la Reggia di Caserta, che cade a pezzi – ha detto la giornalista alla Confindustria casertana –. Abbiamo un’eccellenza del manifatturiero tessile, qual è la seta di San Leucio, che oggi viene falsificata”. Bisogna, dunque, valorizzare queste eccellenze. Tra le proposte avanzate dall’esponente del Pd, la “creazione di un percorso archeologico, artigianale e gastronomico collegato alla Reggia per incentivare l’economia locale”. Un rilancio che deve passare anche attraverso il recupero dei crediti vantati dalle imprese nei confronti degli Enti pubblici: “Le imprese falliscono – dice la Capacchione – perché le pubbliche amministrazioni non pagano e pretendono anche il tributo”. Senza dimenticare la necessità delle bonifiche sulle quali la giornalista lancia l’allarme: “La camorra sta tentando di mettere le mani sulle società che devono occuparsi delle bonifiche. Non dobbiamo permetterlo”.  

 Immagine

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...