L’ex pm Donato Ceglie si dimette dalla magistratura

Rosaria Capacchione*

La parabola di Donato Ceglie si chiude con la discesa vertiginosa verso l’uscita dalla magistratura, con una sentenza di condanna per abuso d’ufficio, una prescrizione per concorso esterno, un processo per concussione che in appello rischia di scivolare verso una conclusione diversa da quella di primo grado, l’assoluzione. L’uomo che fu il pm di punta della Procura di Santa Maria Capua Vetere negli anni d’oro della battaglia contro le ecomafie, ha chiesto di lasciare l’ordine giudiziario. Lo ha fatto il 5 febbraio scorso, con dimissioni irrevocabili. Lo ha ribadito il 12 marzo e poi il 13 aprile, sollecitando il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, per una rapida trattazione del fascicolo. Che, sinora, non è ancora in calendario. Verrà prima l’udienza del 4 giugno, quando Palazzo dei Marescialli dovrà decidere su un nuovo procedimento disciplinare, incardinato poche settimane fa. E, probabilmente, solo allora si saprà se le dimissioni saranno accolte o se , invece, alla sospensione da funzione e stipendio, decisa il 4 marzo del 2016 in sede cautelare, si aggiungerà un’altra sanzione. L’uscita definitiva dalla scena chiuderebbe per sempre la partita, eliminando il rischio di una possibile e ignominiosa rimozione dai ranghi della magistratura.

La parabola si chiude, dicevamo, nella maniera peggiore. Lasciando l’amaro in bocca e tante ombre, mai diradate, sui rapporti tra il magistrato napoletano e imprenditori dei rifiuti, condannati per contiguità con il clan dei Casalesi: Cipriano Chianese prima, i fratelli Michele e Sergio Orsi poi. Rapporti che sono stati stati esplicitamente ammessi da Sergio Orsi (il fratello Michele è stato ucciso dieci anni fa a Casal di Principe dagli uomini di Giuseppe Setola ma non si sa ancora con il mandato di chi) a dibattimento, o documentati altrimenti. Rapporti che il magistrato manteneva in costanza delle sue indagini sulle ecomafie e che nascono una ventina di anni fa, quando indagava proprio sulle discariche di Chianese. Scoperti (e denunciati) tra il 1994 e il 1996 da uno sconcertato Roberto Mancini, l’ispettore della Criminalpol ucciso dalla leucemia. Ma diventati di dominio pubblico solo quando Donato Ceglie era ormai finito in disgrazia, travolto da un’indagine per concussione sessuale poi conclusasi con la sua assoluzione.

Di tutto questo c’è qualche riferimento nelle motivazioni della sentenza con la quale il 13 novembre dello scorso anno il Tribunale di Roma (presidente Paola Roja, a latere Maria Teresa Cialoni e Paola Della Vecchia), lo condannava per abuso d’ufficio in merito alle consulenze mai autorizzate fatte alla Coldiretti nazionale per il Rapporto Agromafie ma fatturate (75mila euro in quattordici mesi) a un consulente. Sentenza che accerta anche la responsabilità penale del magistrato in merito a un altro capo d’imputazione: la trattazione “privata” di una querela presentata da una donna contro l’ex marito e da lui contro di lei. Una donna, Sara Fusco, che nel frattempo era diventata la sua amante. Ma il fatto è stato dichiarato non punibile per intervenuta prescrizione. Lei, in aula, ha smentito la relazione ma per questo ora è indagata per falsa testimonianza. Stessa sorte per il direttore di Coldiretti, che pure aveva cercato di ridimensionare il ruolo del magistrato e di smentire i rapporti economici.

I giudici romani, in sessanta pagine, hanno riassunto una parte tutto sommato marginale delle molteplici attività del collega samaritano. E non potevano fare altrimenti, visto che si trovavano a giudicare solo una parte residuale dell’imponente materiale investigativo raccolto dalla pm antimafia Barbara Sargenti, passata dalla Dda di Roma alla Direzione nazionale antimafia. Materiale che è a fondamento della sospensione da funzione e stipendio decisa dal Csm, sul quale è intervenuta la prescrizione a cui Ceglie non ha inteso rinunciare e sul quale, dunque, non è stato possibile alcun approfondimento processuale. Sono contenuti in quegli atti, composti da dichiarazioni di collaboratori di giustizia, di testimoni e di intercettazioni telefoniche, i dubbi e le ombre sull’intera attività giudiziaria del magistrato, che nel privato appare uomo completamente diverso da quanto sembrava in pubblico. Apparenza che gli era valsa la consulenza in commissione Antimafia, in commissione sulle Ecomafie, all’università “Luigi Vanvitelli” (all’epoca Sun) dove aveva conosciuto molte delle ragazza poi passate per l’appartamentino sammaritano che utilizzava come garçonniere e come studio privato, messo a disposizione dal consulente (poi diventato uno dei suoi accusatori più importanti) e dove i carabinieri di Caserta trovarono un quadro regalato da un  uomo di Casal di Principe, che si è scoperto essere un fiancheggiatore del clan Zagaria, che gestiva un deposito di mezzi sequestrati e che talvolta gli faceva da autista. La buona fama di Ceglie era sopravvissuta anche al primo processo, quello per la concussione sessuale, e al trasferimento d’ufficio. Per due volte, nel 2014 e nel 2015, era stato chiamato in commissione Ambiente, al Senato, per dire la sua sulle norme in via di approvazione.

Poi la caduta, precipitosa e ingloriosa. Con la condanna anche al risarcimento di sessantamila euro e altre azioni di rivalsa in sede civile in via di fissazione. E la prospettiva della decadenza: con essa, anche delle possibilità future, come ha scritto al Csm sollecitando la ratifica delle sue dimissioni, di un nuovo lavoro.

pubblicato su Fanpage.it il 22 maggio 2018

https://napoli.fanpage.it/dopo-accuse-e-condanne-il-pm-donato-ceglie-si-dimette-dalla-magistratura/

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...