Ciò che resta di latifondi, campieri, caporali e nuovi schiavi

Rosaria Capacchione*
Trent’anni dopo, il valore nominale del salario è invariato: a quei tempi, in Capitanata come nell’agro aversano o nel nocerino-sarnese, mille lire per ogni cassetta di pomodori, e fino a cinquanta al termine di una giornata di lavoro che iniziava quando ancora non era l’alba e finiva che era già il tramonto; oggi, due euro all’ora, che alla fine della giornata diventano venticinque. Oggi come allora, al lordo delle spese di trasporto, cioè la provvigione supplementare pagata dai braccianti al caporale, il venti per cento della giornata. Caporale che fa da intermediario esclusivo tra l’agricoltore e i braccianti, tra le organizzazioni mafiose e gli stagionali che si spostano da una parte all’altra dell’Italia per il raccolto di pomodori, uva, mele, fragole.
Non è storia di oggi, quella denunciata dal ministro Maurizio Martina: sono almeno settant’anni che mafia, camorra e ‘ndrangheta controllano il mercato delle braccia destinate all’agricoltura o all’edilizia con l’ausilio di padroncini e intermediari ai quali viene riconosciuta una provvigione. Attività interrotta solo in concomitanza con clamorose proteste di piazza. Era il 1989 quando dalla “Rotonda degli schiavi” di Villa Literno partì il primo sciopero dei manovali delle campagne: erano tutti centrafricani, tremila uomini che a luglio e agosto si trasferivano in massa nel paesino dell’aversano – neppure diecimila abitanti – che, a quel tempo, era la capitale del distretto dell’oro rosso. I caporali erano tutti tunisini, molti poi passati nelle file della camorra casalese con il ruolo di campieri, guardaspalle, killer. Due estati dopo, complice una virosi che distrusse il raccolto, gli stagionali cambiarono piazza e si concentrarono in Capitanata. Neppure il tempo di ambientarsi ed ecco, nel 1993, che latifondisti e caporali si coalizzarono contro i braccianti africani e li cacciarono in malo modo da Stortana, Stornarella, Orta Nova: erano troppi, contrattavano direttamente con i proprietari dei terreni, strappavano salari migliori. Poi la Calabria, Rosarno e la rivolta del 2010: un altro sciopero degli stagionali africani, che protestavano per le condizioni disumane in cui erano costretti a vivere dai soliti intermediari.
C’è un dato che decine e decine di storie tutte uguali che hanno contrassegnato la storia recente del nostro aere: le proteste e la richiesta di condizioni di vita e di lavoro dignitose sono arrivate solo dai braccianti stranieri, i soli ad aver osato sfidare camorra, ‘ndrangheta e Sacra Corona Unita e i loro emissari. Mai gli italiani, che si sono accontentati di paghe da fame, ancora più basse dei loro compagni di sventura, piegati dal potere di assoggettamento e di intimidazione dei loro fornitori di lavoro, più rassegnati degli altri alle logiche criminali e al vincolo di omertà mai sconfitto nel nostro Sud.
Ha ragione Martina a dire che il caporalato si combatte con gli stessi strumenti utilizzati per combattere le mafie. Perché di un affare di mafia si sta parlando, affare che si nutre ancora oggi della disperazione, della fame, della concorrenza tra poveri.

*pubblicato su L’Unità del 21 agosto 2015

Mafia, politica e la crisi dei partiti: la palude che ingessa il Sud

Rosaria Capacchione*

Alcuni anni fa lo storico Paolo Macry riproponeva la questione meridionale attraverso un’analisi impietosa della classe dirigente del Sud, per nulla diversa da una arrogante e immutabile satrapia, ma includendo nella sua bocciatura anche le comunità di cui essa è espressione. Sosteneva, Macry, che “qualunque sia stato storicamente il ruolo dei governi centrali, molta parte del problema va addebitata alle classi dirigenti e alle comunità del Mezzogiorno”. Vale per eletti ed elettori, vale per i manager delle aziende strategiche, vale per l’élite della burocrazia degli enti locali, ciascuno portatore di un interesse autoreferenziale che dell’intermediazione politica ha un bisogno vitale. E questa si è rafforzata nel suo ruolo di interlocutore necessario in virtù della capacità esclusiva di intercettare (o di far credere di poterlo fare) risorse nazionali a vantaggio non di una politica volta al benessere collettivo bensì del proprio tornaconto elettorale. Il risultato è che, al posto dei governi locali, nelle regioni del Sud ci si confronta con comitati elettorali permanenti nei quali la selezione della classe dirigente è demandata alla singola capacità di aggregare consenso organizzato anche in totale assenza di programmi dettagliati o di riconosciute capacità personali. Anzi, in casi sempre più frequenti, anche in totale assenza di questi ultimi requisiti. Il tutto mascherato da una istintiva, quasi animalesca, capacità di comunicazione: aggressiva, provocatoria, piagnucolosa quanto basta a spacciarla per leadership fortemente popolare. E se questo accade in un’area del Paese la cui vita quotidiana è ancora fortemente condizionata dalla criminalità organizzata, ecco che le aggregazioni politiche, sempre più identificate con il leader e sempre meno con una idea di Paese, che hanno qualche chance di governo territoriale diventano fortemente attrattive per mafia, camorra, ‘ndrangheta o per i comitati di affari che si muovono secondo le stesse logiche e dinamiche.
Prendiamo Palermo e il caso Crocetta, senza cadere nella tentazione di analizzare i fatti di queste ore in chiave giudiziaria. E’ un fatto che il governatore siciliano si sia imposto sulla scena politica non per il suo programma – a eccezione di una declamata antimafiosità – ma per l’assenza di personalità credibili e lontane dai salotti lobbistici che hanno condizionato almeno cinquant’anni di vita di quell’isola (e dell’intero Paese). E’ un fatto che la sua forza di aggregazione, unita al consenso organizzato di spezzoni variegati di società siciliana, si sia infranta contro la mancanza di concretezza della sua azione di governo e alle mille contraddizioni che hanno segnato il suo mandato. E’ un fatto che la palude palermitana popolata da colletti bianchi e camici bianchi abbia invischiato e sporcato anche lui, complici le debolezze dell’uomo (e la conseguente ricattabilità) e la sua incapacità di tenere separate queste dalla gestione del bene pubblico.
E prendiamo Napoli, città metropolitana di oltre tre milioni di abitanti, capitale culturale del Mezzogiorno, ponte necessario tra la macroarea del Sud e la Capitale. In due settimane le inchieste della Direzione distrettuale antimafia hanno disvelato sistemi di potere che non appartengono al passato ma all’attualità, con il coinvolgimento (arresti, avvisi di garanzia, chiamate in correità) di persone che oggi siedono in Regione, in Parlamento, nei Comuni, in Europa, su poltrone dell’uno e dell’altro schieramento, appoggiati da uomini di camorra che hanno finanziato campagne elettorali personali. In qualche caso, nella stessa competizione, anche di schieramenti opposti. Cade l’ex senatore del Pd Lorenzo Diana, una vita dedicata alla lotta alla mafia; cade Carlo Sarro, uomo forte del Pdl cosentiniano (e oggi verdiniano) in provincia di Caserta; cade il sindaco della città della Reggia; vengono sfiorati un europarlamentare (del Pd) e un consigliere regionale eletto in una delle liste di appoggio al governatore De Luca. Cade l’ex senatore Tommaso Barbato, stratega della gestione privata dell’acqua pubblica, gran fabbricante di consensi (prima per l’Udeur, poi per il Pd o liste collegate): tutti collegati a una rete di imprenditori d’accatto che hanno fatto fortuna senza avere grosse capacità manageriali ma consapevoli di essere il terzo piede del tavolino, elemento necessario al prosperare di organizzazioni mafiose e politici in carriera.
In periferia accade ancora oggi l’inverosimile: nei consigli comunali vengono eletti non prestanome insospettabili ma, direttamente, i familiari dei capiclan; le campagne elettorali sono segnate da minacce, intimidazioni, pestaggi. Le aggregazioni politiche sono funzionali solo all’affermazione di una rendita personale di consensi e alla conta successiva in vista della prossima campagna elettorale. Oggetto del contendere è l’industria pesante del Sud, e cioè il mercato del mattone; in subordine, il controllo della sanità privata e dei servizi essenziali: acqua, gas, rifiuti. Da quei piccoli consigli comunali, da quei candidati eletti con una messe di voti poco conciliabile con le altissime percentuali di astensione e con la generalizzata disaffezione alla politica, nascono i portatori di consensi capaci di condizionare le assemblee di partito, l’esito della primarie (per il Pd) o la formazione delle liste (per tutti gli altri) e, di conseguenza, la composizione dei consigli regionali e del Parlamento ma anche le aziende sanitarie, i consorzi, gli Ato; e la politica di gestione industriale, di ripartizione delle acque, di mobilità. Il risultato è una casse dirigente mediamente inadeguata, mediocre.
E’ in questa maniera, per esempio, che per oltre vent’anni è stata gestita nel Sud la politica sanitaria, ambientale ed energetica. L’emergenza rifiuti è stata figlia di questa situazione nella quale la camorra (e nello specifico il clan dei Casalesi) ha avuto gioco facile a esercitare in maniera parassitaria il suo ruolo di supplenza delle strutture pubbliche statali e regionali. Emergenza sopravvissuta a se stessa in virtù dell’autonoma capacità di generare immense provviste finanziarie e di creare consenso da spendere nel voto amministrativo e politico ma anche in consulenze redditizie e prestigiose. A tutti i livelli, compresi quelli ministeriali.
Si è formato, dunque, una sorta di capitalismo politico che si è rafforzato negli ultimi vent’anni grazie anche a una proposta politica di stampo ultraliberista, assai affine a quel modello, che ha mortificato e talvolta annientato ogni speranza di libero mercato.
Seguendo il ragionamento di Paolo Macry, una politica così fatta “ha ingessato il processo di selezione delle classi dirigenti meridionali”, rafforzando quella molle satrapia di cui si diceva prima e politiche nepotistiche e clientelari. La contropartita è stata il silenzio, la non interferenza nelle scelte di governo sempre più spesso subìte, con la conseguenza del progressivo depauperamento del capitale di idee e di progetti che pure avrebbero trasformare in positivo il Mezzogiorno d’Italia.

Fare finta di niente per comodità elettoralistiche non è più possibile. Le indagini sulle grandi opere al Nord, sulle interferenze della ‘ndrangheta in Liguria, Piemonte, Lombardia, su Mafia Capitale a Roma hanno attualizzato le profezie di Leonida Rèpaci che, mezzo secolo fa, ammoniva: “La questione meridionale è tutta la questione italiana. Se la piaga della degradazione non si chiude, la cancrena che potrebbe seguirne non minaccerebbe solo la distruzione della parte malata ma l’intero organismo nazionale”. Con la linea della palma salita fino alle Alpi, sarebbe suicida non ripensare le strategie di selezioni della classe politica e della classe dirigente italiana. Guardando alle ferite del Sud ma alla crescita dell’Italia intera.

*pubblicato su L’Unità del 18 luglio 2015

Camorra e politica, così funziona il mondo capovolto

Rosaria Capacchione

Avete pensato sul serio che la camorra si sia infiltrata nel cuore dello Stato con le minacce, le intimidazioni, l’ostentazione delle armi? Avete creduto, sia pure per un attimo, che i suoi rapporti con la politica siano stati mediati da faccendieri o imprenditori della terra di mezzo? Che vi sia una faccia presentabile dei Casalesi che si sia affacciata negli uffici della pubblica amministrazione “bussando con i piedi”, cioè con le mani occupate da bustarelle, regalie varie o magari una calibro 9? Ebbene, signori, archiviate per sempre queste convinzioni. Leggete le carte, ascoltate le conversazioni, e capirete cos’è davvero la camorra di nuova generazione. Camorra che non rapina ma che elargisce: consigli legali, suggerimenti amministrativi, prebende, incarichi, doppi incarichi, poltrone. E soldi, anche i soldi – in una sorta di voto di scambio al contrario – necessario a finanziare le primarie o il voto nei Comuni, alla Provincia, alla Regione. Camorra, come sempre, mediatrice di conflitti tra questa o quella corrente del partito che, di volta in volta, ospita quegli uomini funzionali ai suoi piani e ai suoi progetti. Uomini che non vengono contattati ma che contattano, chiedendo al capoclan, sia pur rappresentato dal cognato incensurato, il posto da manager, da dirigente sanitario, da addetto stampa, da capo dei servizi tecnici e informatici. All’occorrenza, anche un aiutino per la carriera politica di questo o quell’amico. Ce n’è per tutti: per l’Udeur, che a Caserta aveva il suo riferimento forte in Nicola Ferraro, poi travolto dalle inchieste (e dalle condanne) per concorso esterno, essendo l’interfaccia politica e imprenditoriale (è stato per oltre un decennio il dominus di Ecocampania, colosso dello smaltimento dei rifiuti) del gruppo Schiavone; e per il Pdl, che con Nicola Cosentino si era appropriato del controllo, politico e non solo, dell’azienda ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano”. Ma anche per il Pd appena nato – era il 2007 – sul quale una parte degli orfanelli dell’Udeur stavano scommettendo.
L’aspetto sorprendente dell’ultima inchiesta della Dda di Napoli – eredità qualificata che Antonello Ardituro ha lasciato ai colleghi prima di trasferirsi al Consiglio Superiore della Magistratura – è, però, un altro. E cioè il ribaltamento dei ruoli, lo sdoganamento di personaggi di dubbia moralità però promossi al rango di consigliere d’affari. L’interlocutore di funzionari, politici , imprenditori o aspiranti tali era (è morto tre anni fa) un signore a nome Francesco Zagaria, omonimo del capoclan ma anche e soprattutto suo cognato. Parentela strettissima e mai nascosta. Francuccio, come lo chiamavano, era il convitato di pietra di tutti gli affari e gli accordi che a nome dell’uno o dell’altro venivano raggiunti nell’ambito della sanità pubblica in Campania: dal 2003 e almeno fino alla fine del 2013, quando la Dia di Napoli ha chiuso le indagini. Morto lui, per un imprevedibile infarto che seguì di due settimane l’arresto di Michele Zagaria nel nascondiglio tecnologico di via Mascagni, a Casapesenna, il dominio sul più grande ospedale della provincia di Caserta è poi passato alla vedova, Elvira Zagaria, “femmina tosta” come la definiscono i sodali intercettati e i collaboratori di giustizia, che fino alla fine ha continuato a pretendere dagli imprenditori “della lista”, cioè i prestanome del fratello e del marito, i “soldi di sopra all’ospedale”.
Dunque, Francuccio: sempre presente ai pranzi e alle cene di Luigi Annunziata, il manager dell’ospedale morto anche lui qualche tempo fa; nella sua stanza; a casa sua a Terzigno, da dove fu organizzata la campagna elettorale per le primarie di Sandro De Franciscis, passato dall’Ulivo all’Udeur e poi al Pd, pretendente alla carica di segretario regionale sostenuto da Francesco Rutelli. La storia ufficiale ci racconta che fu sconfitto da Tino Iannuzzi e che arrivò ultimo; quella giudiziaria che Franco Zagaria mise mano alla tasca e pagò per quegli elettori che non avevano nessuna intenzione di lasciare la quota di un euro nelle casse del neonato partito. E poi al congresso dell’Udeur, che doveva certificare l’ingresso di Angelo Brancaccio, transfuga diessino travolto da un’inchiesta per corruzione. E, ancora, al fianco di Antonio Fantini, che fu potentissimo presidente della Regione Campania.
Dunque Francuccio, che in ospedale poteva contare sul dirigente dell’ufficio tecnico, Bartolomeo Festa, il cui incarico, scaduto ad agosto dello scorso anno, era stato stranamente prorogato dall’ultimo manager, arrivato dopo una controversa gestione commissariale e una commissione d’accesso che, chissà perché, in sei mesi di indagini non aveva scoperto neppure una delle gare d’appalto truccate evidenziate dagli atti d’indagine.
E con Francuccio, buona parte del management dell’azienda ospedaliera, che ne ha assecondato i desideri e chiesto e ottenuto il proprio tornaconto, economico o di potere, prestandosi anche a fare la guerra all’unico dirigente che ostacolava l’attività del comitato d’affari: durante la gestione di Annunziata e anche in quella successiva di Bottino, transitato dall’Asl all’ospedale.
Il romanzo nero scritto dai magistrati antimafia napoletani ha molte pagine non ancora scritte; altre, invece, annotate con l’inchiostro simpatico. In controluce, nelle dichiarazioni di imprenditori e manager coinvolti nel processo parallelo che nel 2013 portò al primo arresto di Bottino, si leggono altri nomi e altri abbozzi d’inchiesta. Si comprende meglio il ruolo di Nicola Cosentino nella scelta di persone di fiducia da collocare nei posti chiave dell’azienda, bancomat sempre pieno e imponente serbatoio di voti; si viene a sapere che l’attuale commissario provinciale di Forza Italia partecipò ai funerali di Franco Zagaria; che lo stesso aveva il badge per l’accesso agli uffici della Regione rilasciati dal consigliere Angelo Polverino; che con Francuccio anche altri uomini fidati di Michele Zagaria, come il consigliere provinciale Antonio Magliulo, erano della partita. E che gli imprenditori del “sistema Zagaria”, individuate da un’inchiesta giornalistica citata negli atti d’indagine, dopo l’arresto del capoclan provarono a truffarlo appropriandosi dei soldi che avevano in deposito fiduciario, per così dire, simulando un’improvvisa coscienza antiracket.
Pensavate davvero che i Casalesi fossero un branco di parvenu, rozzi ed essenzialmente violenti? Credevate davvero che la camorra in giacca e cravatta fosse solo quella di quattro imprenditori arricchiti e furbetti? L’imbarazzo è quello, invece, di trovarsi al cospetto del mondo capovolto, di un sistema tanto bene articolato da indurre a ritenere che sia lo Stato a cercare di infiltrarsi, faticosamente, in un pezzo di società completamente mafiosizzato. E che la strada da percorrere per riguadagnare qualche posizione è ancora lunga e difficile.

Ergastolo a Setola, giustizia per Mimmo Noviello

Sei anni e sei mesi dopo, giustizia anche per Mimmo Noviello. Ergastolo, come dovuto, a Giuseppe Setola. La Corte di Assise ha spazzato via i suoi strumentali tentativi di collaborazione con la giustizia, tardiva e inutile per l’accertamento della verità sulla tragica stagione delle stragi firmate dal clan dei Casalesi

Dalla parte della parte offesa: retroscena di una sentenza sulle minacce di camorra

orchestra

La nota stonata

di

Rosaria Capacchione*

Siamo gente strana, noi giornalisti. Parliamo, discutiamo, prevediamo catastrofi che gli altri non riescono neppure a immaginare; puntiamo l’indice, noi illuminati, contro la retorica del mafioso buono che non c’è più, perché in effetti il mafioso buono è una categoria esistente solo nella vulgata, nel racconto delle gesta dei Beati Paoli che nessuno legge più da almeno cent’anni. Denunciamo, noi cantori del divenire della realtà, l’avvento della borghesia mafiosa che ha soppiantato i vecchi boss con la coppola storta e la lupara; e poi, quando ci scontriamo con un vero borghese mafioso, con un professionista prestato alla mafia (o, se vi pare, con un mafioso prestato alle professioni), non lo riconosciamo.

Lo abbiamo lì, davanti a noi, seduto in un’aula di tribunale, che osserva con un mezzo sorriso stampato sulle labbra strette e sottili le fasi finali del processo, ma per tributargli la patente di mafiosità vorremmo che fosse armato e che parlasse lo slang casalese. Scriviamo e diciamo che le mafie hanno cambiato veste ma in realtà ci piacerebbe che indossassero quella vecchia, così rassicurante con le sue macchie di sangue e il suo visibile potere di minaccia. E quando una sentenza condanna l’avvocato Michele Santonastaso e assolve due capiclan come Francesco Bidognetti e Antonio Iovine, ecco che la stessa appare distonica, stravagante, addirittura donabbondiesca se non proprio omissiva. E ci straccia le vesti per la giustizia negata.

Non so cosa il tribunale scriverà per motivare l’insolito dispositivo, che ha chiuso una vicenda giudiziaria iniziata quasi sette anni fa, alla vigilia della più tragica stagione dell’epopea casalese. Non lo so e sono molto curiosa di saperlo, se non altro perché quel processo riguarda anche me, giornalista e parte offesa, giornalista (ora prestata al Parlamento) e testimone di quei fatti terribili, diciotto morti e diciotto feriti in una manciata di mesi: tutti innocenti, tutti funzionali a una disperata strategia di sopravvivenza e a una visibile e rumorosa rivalsa contro gli ergastoli, il carcere duro, le confische che avevano affamato il clan e le famiglie degli affiliati. Dovevo esserci anche io nell’elenco delle vittime? Non lo so, so che non ci sono, probabilmente perché lo Stato decise di proteggermi. Lo fece all’indomani di quello stranissimo episodio che è stato oggetto del processo, chiuso il 10 novembre del 2014 nell’aula 116 del Tribunale di Napoli. Cioè, 2433 giorni dopo la lettura di una istantanea di remissione degli atti, una ricusazione fatta, durante un’udienza del processo al clan dei Casalesi che va sotto il nome di Spartacus, dall’avvocato Michele Santonastaso. Che, subito dopo, annunciò la rinuncia alla difesa del suo cliente più importante, Francesco Bidognetti. Lesse ottantuno pagine di veleno sfuso, poca tecnica e molte insinuazioni, accuse, calunnie. Fango, insomma, mascherato da atto processuale.

todo
Un capitolo era dedicato alle mie gesta di giornalista prezzolata dalla Procura: bontà sua, sempre meglio che essere prezzolati da una banda di assassini. Oggettivamente, un capitolo diffamante. Ma io, da giornalista, mi impressiono assai poco dinanzi a una diffamazione. Il fatto è che in quelle righe era raccontata un’altra storia, quella dell’indagine abortita (nel 2004) su un giudice della Corte di Assise di Appello di Napoli che aveva venduto un suo terreno a un camorrista di Casapesenna, che non si era astenuto dal giudicarlo, che lo aveva assolto ribaltando la sentenza di primo grado. La storia era proseguita due anni dopo, con lo stesso giudice che un’altra volta stava processando lo stesso imputato e che aveva dovuto rinunciare in seguito a una interrogazione parlamentare che ricapitolava l’intera vicenda. L’atto di sindacato ispettivo aveva come fondamento un articolo che avevo scritto, in beata solitudine, quando la prima vicenda era stata oggetto di una ispezione ministeriale. Neppure l’arrivo a Napoli della delegazione dei supervisori di via Arenula aveva convinto i miei prudentissimi colleghi della necessità di prestare un po’ di attenzione alle vicende e ai processi del clan dei Casalesi.

Il processo Spartacus, concluso in primo grado nel 2005, era destinato alla stessa sezione del giudice ispezionato, Pietro Lignola. La IV sezione. Proprio quella che poi l’ha trattato. Ma fu deciso, forse anche a causa delle polemiche, che venisse assegnato a un altro collegio. Anni dopo, a maggio del 2014 (sei mesi fa), un altro dei capi del cartello casalese, Antonio Iovine, ha iniziato a collaborare con la giustizia e ha raccontato di aver pagato l’avvocato Michele Santonastaso perché comprasse due sentenze favorevoli in altrettanti processi di omicidi da lui effettivamente commessi e per i quali era stato già condannato in primo grado. Le due sentenze di assoluzione effettivamente ci sono state e portano entrambe la firma del giudice Lignola. Che sia stato corrotto oppure no non è ancora cosa nota.

Quando lessi i riferimenti al giudice Lignola nelle righe della ricusazione ebbi davvero paura. Compresi che l’avvocato Santonastaso aveva scelto quella strada per indicare al mondo delle carceri i responsabili del mancato aggiustamento del processo Spartacus: Roberto Saviano aveva dato notorietà internazionale a un clan che prima era quasi sconosciuto; Federico Cafiero de Raho aveva tenacemente sostenuto la pubblica accusa e dato voce ai pentiti; Raffaele Cantone, che di Spartacus non si era mai occupato, aveva colpito al cuore alcune ramificazioni che sembravano invincibili e, soprattutto, aveva lavorato con successo nelle indagini sui consorzi di bacino dei rifiuti e sulle società miste infiltrate dal clan. Io ero quella che aveva costretto il garantista giudice Lignola a non occuparsi del processo più importante.
Mi aveva messo al muro, chiunque avrebbe potuto sparare.

Lo pensai quel giorno, il 13 marzo del 2008. Lo pensai per qualche settimana. Ma siccome non accadeva nulla iniziai a rassicurarmi. Certo, mi avevano dato la scorta, ma io rivolevo la libertà, che è un’altra cosa. Poi, a maggio, iniziò la stagione delle stragi.
Non mi chiesi, allora, se l’istanza di ricusazione fosse stata concordata con Francesco Bidognetti e Antonio Iovine, che l’avevano firmata. L’ho sempre considerata qualcosa di molto diverso da una minaccia: cioè, una sentenza irrevocabile Un’istanza utile al clan ma anche all’avvocato Michele Santonastaso, che magari aveva promesso molto più di quanto avrebbe potuto mantenere. E che lavorava in sinergia con i suoi clienti – nell’altro processo in cui è imputato di associazione mafiosa sono ricostruite decine di episodi che lo vedono nella veste di stratega del clan ma in funzione quasi autonoma, come se fosse il capo dell’ufficio legale del clan – ma senza svelare i trucchi del mestiere. Ha raccontato Antonio Iovine di non avergli mai chiesto a chi andassero i soldi necessari a comprare le sentenze di assoluzione perché non era affar suo: lui pagava un servizio acquistato da un professionista efficiente.

Ecco, il punto è questo. Non so se la sentenza di lunedì sia giusta o sbagliata, riduttiva o soltanto rigida. So, invece, che nel dispositivo ha centrato un obiettivo nuovo punendo solo e soltanto il colletto bianco, il professionista compartecipe delle finalità mafiose del clan ma non vincolato dall’obbligo di rendicontazione preventiva. Se così fosse, la decisione del giudice Aldo Esposito avrebbe una straordinaria portata innovativa, specchio reale degli strumenti delle nuove mafie. Se così fosse, come io l’ho vissuta.

*pubblicato su Nazioneindiana.com che ringrazio con affetto

Camorra e appalti, l’ospedale di Caserta sotto sorveglianza

Camorra e tangenti all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano, il viceministro dell’Intreno Filippo Bubbico risponde alla mia interrogazione: “La condizione di marcata illegittimità amministrativo-gestionale, contrassegnata negli anni oggetto di indagine da una diffusa elusione dei principi di trasparenza dell’azione amministrativa, è stata ritenuta suscettibile di valutazione al fine dell’attivazione di specifici interventi consistenti nel monitoraggio dell’attività dell’ente con particolare riferimento al settore degli appalti”.

Iovine e l’armadio degli scheletri (ovvero le brutte cose della politica)

Rosaria Capacchione*
Per raccontare la palude, il brodo di coltura della mafia e la sua capacità di sopravvivere a se stessa e alla repressione dello Stato, Pino Arlacchi e Nando Dalla Chiesa avevano saccheggiato a piene mani i testi di Primo Levi e le dinamiche concentrazionarie descritte ne “I sommersi e i salvati”. Erano convinti che nei lager, come nei mondi mafiosi, “sopravvivevano di preferenza i peggiori, gli egoisti, i violenti, gli insensibili, i collaboratori della “zona grigia”, le spie”. Era quasi trent’anni fa, e “La palude e la città” divenne l’analisi più lucida e spietata delle tecniche di conquista del potere a opera della grande criminalità organizzata. Analisi che riguardava anche le forme del linguaggio e l’incoerenza e la contraddizione tra i principi affermati e quelli negati. Scrivevano i due studiosi che il mafioso, “per difendere i politici più screditati attacca con veemenza la cultura del sospetto; ma getta contemporaneamente manciate di sospetto sui suoi avversari; e non in assenza di prove ma in presenza di prove contrarie”. E a proposito dei processi, “intima il silenzio a tutti, pretendendo che non si parli più di mafia per non interferire sul corso della giustizia, e poi un anno dopo accusa gli stessi che voleva zittire di credere in una via puramente giudiziaria della lotta alla mafia”.
Ho riletto il libro di Arlacchi e Dalla Chiesa quando sono stati depositati in tribunale i primi verbali d’interrogatorio di Antonio Iovine, ergastolano, uno dei quattro capi del cartello camorristico dei Casalesi, da quaranta giorni collaboratore di giustizia. L’ho fatto quando le accuse di Iovine hanno sfiorato uomini politici e apparati giudiziari: quella palude, appunto, senza la quale la mafia sarebbe stata una semplice accozzaglia di taglieggiatori e non, qual è, un sistema complesso che si nutre soprattutto della complicità o dell’ignavia della zona grigia. Come non accadeva da molti anni, le parole di Iovine sono state accolte da scetticismo, derisione, levate di scudi in difesa di quel sistema che pure, in Campania, ha prodotto morti, corruzione, sviluppo malato, mercato alterato. Antonio Iovine ha sinora detto cose che tutti conoscevano, anche se queste cose non hanno mai avuto dignità di sentenza. Ha raccontato un contesto: l’indifferenza del clan all’appartenenza politica di questo o quell’amministratore pubblico; la capacità di controllo delle commesse pubbliche attraverso imprenditori collusi; l’impunità giudiziaria pagata e conquistata soprattutto in virtù della sordina messa dalla maggior parte della stampa italiana alle vicende di quella che veniva considerata una banda di paese e non una succursale di Cosa Nostra alla quale era gemellata da decine di anni.
Se avesse parlato solo di ammazzatine, di lotte di successione, di fatti di malavita comune, le sue parole sarebbero state accolte come rivelatrici e disvelatrici di decenni di misteri. E invece Iovine sta puntando il dito contro la società civile, contro quegli uomini, uguali a noi, che non sparano e che per questo si ritengono immuni dall’accusa di mafiosità. E per questo ogni sua parola è bollata come veleno, fango, diffamazione. Prima ancora che la Procura di Napoli abbia avuto modo di riscontrarle e che i fatti stessi possano confermarle o smentirle. Una difesa di casta, la difesa della borghesia che fa quadrato attorno ai suoi uomini non accettando che si possa guardare il re nudo e dire che sia tale: reazione magistralmente raccontata da Leonardo Sciascia nei suoi romanzi sul potere, a cominciare da Todo Modo.
Ben vengano le parole di Iovine. Se non altro perché offrono l’occasione per discutere di cosa è stata la politica in una parte importante del Mezzogiorno d’Italia e, per certi versi, cosa è ancora la politica quando mette la ricerca del consenso al di sopra dei programmi, delle idee, dei progetti. Tra gli uomini, di ogni colore, che hanno fatto parte del mondo che ha fiancheggiato più o meno consapevolmente l’epopea dei Casalesi ce ne sono alcuni che ancora oggi rappresentano i cittadini nelle amministrazioni locali, alla Regione, in Parlamento. Ieri fingevano di non vedere e non capire (quando non spartivano il denaro con gli stessi mafiosi) in nome di posti di lavoro da offrire a una terra affamata o di un preteso sviluppo del territorio che sviluppo vero invece non è mai stato. Oggi fingono di non sapere riproponendo se stessi sulla scena della politica in virtù di una notevole capacità di raccogliere preferenze, consenso personale disancorato, però, dalla reale volontà di interpretare i bisogni del territorio e di trasformarli in ricchezza diffusa.
Iovine ha aperto l’armadio degli scheletri di cui non conosciamo i nomi ma di cui intuiamo i ruoli. E sappiamo che per difendere se stessi alzeranno barricate e utilizzeranno l’arma del discredito e cercheranno di conservare il ruolo dei sommersi. E’ la loro ultima occasione per salvare se stessi; è la nostra ultima occasione per chiedere la verità e per salvare il Paese. Senza vendette ma senza sconti.

*pubblicato su L’Unità del 28 giugno 2014

Le assoluzioni (sbagliate) e l’impunità dei Casalesi

Rosaria Capacchione*
Sì, lo so, ora diranno tutti che l’avevano capito. I più prudenti che l’avevano almeno sospettato. Ma quando accadde, non una ma una decina di volte, furono pochi a meravigliarsi in pubblico di quelle assoluzioni: pochi magistrati, pochissimi giornalisti. Tutti gli altri preferirono credere che quelle sentenze fossero solo la conseguenza di un eccesso di garantismo, del sistematico sminuzzamento del quadro indiziario che finiva per ridurre a zero il valore della prova, dell’ammissione di formidabili perizie foniche o balistiche che ribaltavano il quadro accusatorio. Forse è andata veramente così ma le parole di Antonio Iovine – parole come pietre, avrebbe detto Carlo Levi – danno invece sostanza all’ipotesi di compravendita della giustizia penale: l’assoluzione di un capoclan assassino in cambio di denaro. Mediatori, dice Iovine, alcuni avvocati appartenenti a una sorta di sistema specializzato nell’aggiustamento dei processi. Duecento milioni in un caso, duecentomila euro in un altro, pagati in due volte come nella migliore tradizione del voto di scambio: metà al momento dell’accordo, l’altra metà dopo il verdetto. Bugie di pentito? Millanterie di avvocato, magari più bravo o più fortunato dei colleghi? Oppure è vero, e dunque se il clan dei Casalesi è diventato mafia è stato perché della borghesia mafiosa hanno fatto parte anche alcuni magistrati?
L’unica cosa certa è che lo sapevano tutti che la IV Corte di Assise di Appello non credeva alla bontà delle dichiarazioni di Dario De Simone, il più preciso e pericoloso (per gli imputati) collaboratore di giustizia del clan dei Casalesi, il grande accusatore del processo Spartacus. Il presidente Pietro Lignola non gli credeva e lo metteva per iscritto, talvolta con una discreta dose di sarcasmo. Garantista con i Casalesi, giustizialista con i camorristi napoletani: evidentemente, suggerivano coloro che giuravano sulla sua buona fede, la qualità delle indagini sui “viddani” Casalesi lasciava molto a desiderare. Ma è un fatto che il sistematico scardinamento della credibilità di quello che era stato il numero tre del clan (e anche, a quel tempo, il più alto in grado dei pentiti) stava minando Spartacus nelle sue fondamenta. Per altro, su quel tema la IV Corte di Assise di Appello stava consolidando una corposa giurisprudenza di merito e proprio a quella sezione era destinato il maxiprocesso ai Casalesi.
Una volta, due volte, tre volte: Lignola aveva chiesto chiarimenti sull’isolamento disposto a carico di Francesco Schiavone-Sandokan, all’epoca (il 1998) capo dei Casalesi, che dal 41 bis era riuscito a far arrivare all’esterno lettere di minaccia. Aveva assolto tutti gli imputati dell’omicidio della psicologa formiana Paola Stroffolino e del suo amante Luigi Griffo, e cioè Michele e Vincenzo Zagaria, condannando il solo De Simone che pure aveva fatto trovare i cadaveri in una cisterna a mezza strada tra Parete e Giugliano, proprio di fronte al terreno sul quale oggi sono depositati alcuni milioni i tonnellate di ecoballe. Anche Antonio Iovine aveva beneficiato del garantismo dell’anziano giudice che compariva in aula indossando il tocco, impugnando un martelletto e lasciando in camera di consiglio il suo inseparabile cagnolino.
In tutti i casi la Corte di Assise di Santa Maria Capua aveva concluso l’istruttoria dibattimentale condannando quegli uomini, tutti pezzi da novanta del potentissimo e ferocissimo clan casertano.
Tra la fine del 2003 e gli inizi del 2004 il primo incidente di percorso. Sulla scrivania del pm Francesco Curcio era arrivato un atto notarile trovato dalla Dia durante una perquisizione a Casapesenna. Documento trasmesso immediatamente al Csm con allegata una nota che segnalava la singolarità di alcune assoluzioni decise dalla IV Corte di Assise di Napoli e la possibile incompatibilità del suo presidente nel processo per il duplice omicidio Griffo-Stroffolino.
Nella relazione si riferiva che a dicembre del 1991 Lignola aveva venduto un appezzamento di terreno di due ettari, a Casapesenna, a una donna del posto, coltivatrice diretta. Quella donna era Maria Vicigrado, moglie di Domenico Zagaria, con il quale era in regime di comunione dei beni. Maria Vicigrado e Domenico Zagaria sono i genitori di Vincenzo Zagaria, boss dei Casalesi condannato all’ergastolo nel processo Spartacus, all’epoca dei fatti già condannato, con sentenza passata in giudicato, per associazione camorristica nella qualità di appartenente al clan Bardellino. Opportunità avrebbe voluto, sottolineava la nota della Procura di Napoli, che il magistrato si fosse astenuto dalla trattazione del processo nel quale, ribaltando la decisione di primo grado, Zagaria era stato assolto.
Ad aprile del 2004 Napoli arrivarono gli ispettori del ministero della Giustizia: che acquisirono sentenze, ascoltarono testimonianze, tornarono a Roma senza decidere nulla ma invitando a una maggiore prudenza. Due anni e mezzo dopo, però, Vincenzo Zagaria era tornato di nuovo dinanzi al vecchio proprietario del terreno diventato dei suoi genitori. Era imputato, assieme al solito Dario De Simone, di uno degli omicidi più importanti della storia della camorra casalese: quello di Mario Iovine, braccio destro di Antonio Bardellino, ucciso in una cabina telefonica a Cascais.
Alla vigilia della decisione il parlamentare siciliano Beppe Lumia aveva chiesto al ministro Guardasigilli di accertare le ragioni della mancata astensione del giudice Lignola. Che quella volta fu costretto ad astenersi.
Il processo Spartacus, come da previsione, fu assegnato alla IV sezione della Corte di Assise di Appello di Napoli ma non al collegio del presidente Lignola. La credibilità di Dario De Simone non è stata più messa in discussione, gli ergastoli sono diventati definitivi.

*pubblicato su Il Mattino del19 giugno 2014

Solidarietà a Massimo Bray

Le minacce all’ex ministro Bray, al quale si deve il salvataggio del Real sito borbonico di Carditello, destano molta preoccupazione anche perché dimostrano che su quel bene si erano concentrate le mire della criminalità organizzata che, evidentemente, fino all’intervento del Mibac, stavano solo aspettano che la base d’asta raggiungesse una soglia più bassa. A Bray va tutta la mia solidarietà e l’impegno personale alla vigilanza sulle infiltrazioni camorristiche nel territorio dominato ancora oggi dal clan dei Casalesi.

Le dichiarazioni di Iovine impongono un intervento sulle omissioni dello Stato

Le sconvolgenti dichiarazioni di Antonio Iovine, capo del clan dei Casalesi che da qualche settimana collabora con la giustizia, impongono una seria riflessione del Parlamento sulle cause che hanno determinato il radicamento della camorra in Campania ma, soprattutto,sulla qualità degli strumenti repressivi necessari a stroncare alla radice il fenomeno. Iovine,raccontando i rapporti con gli esponenti della politica e dell’imprenditoria, descrive un sistema ben più complesso del semplice clan, così come lo abbiamo conosciuto e visto rappresentare nei processi di associazione mafiosa.

E’ appunto, un sistema nel quale le tre categorie camminano autonomamente e si sostengono a vicenda anche grazie alla corruzione e alla degradazione profonda della macchina burocratica. Antonio Iovine, ammettendo le sue responsabilità, ha richiamato lo Stato alle sue,accusandolo di aver agevolato con comportamenti omissivi il proliferare di quel sistema, talmente rodato da funzionare anche in assenza dei capiclan.

Il capo dei Casalesi ha confermato quindi lo scenario che il pm Antonello Ardituro aveva delineato nella requisitoria del processo a carico di politici, come Nicola Ferraro, e di imprenditori coinvolti nei vari filoni d’indagine sui rapporti tra politica e camorra nel Casertano. Cioè, dell’esistenza di uno scacchiere congiunto nel quale i soggetti coinvolti si muovono senza distinzioni di provenienza partitica e nel sistematico conflitto d’interesse tra imprenditori e politici alimentato dal ricorso al voto di scambio garantito dalla camorra e dagli appalti affidati al sistema della rotazione tra imprese.Una struttura così complessa,nella quale la violenza assume un ruolo marginale o è del tutto assente, sfugge alle categorie del nostro codice penale, rappresentando invece la mafia del terzo millennio.