Bene cattura Schiavone ma emergenza ancora attuale

“L’arresto di Carmine Schiavone, figlio del capoclan dei Casalesi e attuale reggente dell’organizzazione, segna un punto importante nell’azione di contrasto alla camorra. Ma indica anche l’esistenza di un vulnus e di un’attualitá nell’emergenza criminale in provincia di Caserta”. A dichiararlo è Rosaria Capacchione, capolista Pd al Senato in Campania.

“La cattura dei grandi latitanti non ha, infatti, sconfitto il clan che, attraverso le nuove generazioni, sta mettendo in atto una strategia, se possibile ancora piú violenta di quella dei genitori, per recuperare il terreno perduto, far continuare lo stato di paura di imprenditori e commercianti, riprendere il controllo del territorio attraverso il pervicace e sistematico ricorso all’intimidazione e all’estorsione” aggiunge Capacchione.

“Attivitá ancora piú pericolosa in un periodo di grave crisi economica e occupazionale e in concomitanza con una campagna elettorale che si preannuncia particolarmente aspra. Accanto ai complimenti alle forze dell’ordine e alla magistratura per l’eccellente lavoro svolto anche in questa occasione – continua Capacchione – si ribadisce l’impegno del Pd per rafforzare le misure di contrasto alle mafie e per il sostegno alle vittime, a partire dalla modifica della legge anticorruzione e del codice penale lì dove punisce il voto di scambio politico-mafioso”, conclude Capacchione.