Bonifica e riutilizzo dei terreni inquinati, Capacchione alla NCO

Caserta – Rosaria Capacchione, candidata al Senato del Partito Democratico, è stata ospite giovedì 7 febbraio del ristorante “Nuova Cucina Organizzata”, a San Cipriano d’Aversa, nell’ambito della serie di incontri “Indovina chi viene a pranzo”, promossa dalla cooperativa che opera in un bene confiscato alla camorra. All’appuntamento, a cui erano presenti Peppe Pagano, titolare della Nco, e Tonino Amato, presidente della commissione regionale per le bonifiche e le ecomafie, insieme ai soci del consorzio “Nuova Cooperazione Organizzata”, la giornalista anticamorra ha risposto a diverse domande inerenti le problematiche del territorio casertano. A partire dai terreni inquinati, per i quali la candidata democratica ha proposto il riutilizzo ai fini dello sviluppo sociale ed economico. “Partendo dalla mappatura dei terreni inquinati – ha spiegato Capacchione – si può procedere con la loro ‘messa a sistema’ non solo attraverso le bonifiche ma anche il riutilizzo. Un esempio, tra tanti, può essere l’installazione di pannelli fotovoltaici. L’importante – ha sottolineato la capolista del Pd al Senato – è che questi terreni non restino abbandonati, altrimenti saranno nuovamente teatro di sversamenti abusivi”. Immagine